Tre motivi per collegare l’API Shutterstock alla tua piattaforma

Immagina di poter mettere a disposizione del tuo team creativo o dei tuoi clienti oltre 70 milioni di immagini e clip video, accessibili direttamente dalla tua app o dal tuo sito Web.

C’è un’API per questo! Cos’è un’API? API sta per Application Programming Interface, interfaccia di programmazione applicativa. Senza entrare troppo nel tecnico, è un modo per fornire accesso semplificato a dati e contenuti. L’API di Shutterstock è stata progettata per integrarsi con siti Web, applicazioni mobili, sistemi di gestione dei contenuti e altro.

Shutterstock è molto più di una piattaforma leader per contenuti creativi. Con l’API puoi consentire l’accesso alle immagini direttamente dai tuoi prodotti, stimolando la creatività, facilitando il coinvolgimento e generando introiti.

L’obiettivo è semplificare la ricerca dei contenuti adatti senza che gli utenti debbano preoccuparsi dei diritti di utilizzo o dei termini di licenza.

Quanto è potente l’API? Basta chiedere a Facebook, che utilizza l’API per offrire agli inserzionisti accesso alla raccolta di foto di Shutterstock. Facebook è un ottimo esempio di come sia possibile sfruttare l’API di Shutterstock a livello aziendale. Gli inserzionisti che usano lo strumento di creazione annunci di Facebook possono aggiungere direttamente le immagini Shutterstock ai propri annunci digitali, senza uscire da Facebook. Le immagini vengono automaticamente concesse in licenza per l’uso su tutta la piattaforma Facebook.

Ecco tre ragioni per collegare l’API Shutterstock alla tua piattaforma:

1. Offri contenuti straordinari ai tuoi utenti

L’API mette a disposizione nella propria piattaforma aziendale contenuti di qualità professionale. Gli utenti finali potranno cercare in modo facile e veloce i contenuti selezionati da Shutterstock da qualsiasi applicazione nativa che usano: un software per la gestione di risorse digitali, uno strumento per la creazione di siti Web o email o una piattaforma di social network.

Consente inoltre agli sviluppatori di creare strumenti basati sulle funzionalità del sito Web di Shutterstock, tra cui ricerca, anteprima e download di immagini e clip video.

L’API inoltre funziona su qualsiasi dispositivo, permettendo agli utenti di accedere ai contenuti da smartphone, tablet o computer desktop.

2. Evita che gli utenti abbandonino la tua piattaforma

Quando chiedi agli utenti di caricare un’immagine, crei attrito. Dopotutto, trovare l’immagine giusta per un progetto o una campagna può essere difficile e interrompe il processo creativo introducendo una lunga serie di altre problematiche, quali:

  • Dove trovo l’immagine giusta?
  • Che formato e risoluzione devo scegliere?
  • Come posso sapere se ho i diritti corretti per utilizzare l’immagine senza mettere a rischio l’azienda?

L’integrazione dell’API ti permette di eliminare tutte queste problematiche: tutto quello che devi fare è cercare i contenuti che preferisci. L’obiettivo è semplificare la ricerca dei contenuti adatti senza che gli utenti debbano preoccuparsi dei diritti di utilizzo o dei termini di licenza. In tal modo gli utenti non escono dalla tua piattaforma e completano i progetti in modo più efficiente, ogni volta con contenuti professionali e dotati di licenza.

3. Migliora i tuoi prodotti e genera introiti

Shutterstock ha creato l'API in base alle esigenze aziendali dei propri partner e il modello di licenze riflette esattamente l'utilizzo che gli utenti faranno dei contenuti. Ad esempio, gli utenti di Facebook Ads ricevono una licenza per utilizzare le immagini Shutterstock solo su Facebook.

Inoltre, sono disponibili due modelli di business principali quando si utilizza l'API: agevolato e rivendita. Con il modello agevolato, un partner offre accesso diretto alla libreria Shutterstock come valore aggiunto gratuito ai propri clienti. È il partner che si occupa dei costi delle risorse al fine di favorire utilizzo e adozione maggiori dei propri prodotti e servizi.

Con il modello di rivendita, il partner può addebitare i costi per immagine o video sulla base di un listino o di un modello di licenze concordato. NewsCred e Percolate sono due partner di Shutterstock che hanno adottato questo modello. Per questi partner, l'API di Shutterstock dà l'opportunità di creare un nuovo flusso di ricavi e di vantaggi dai propri prodotti offrendo contenuti.

Per entrambi i modelli è previsto il pagamento in base all'uso, i partner cioè pagano solo le immagini o i video che usano veramente. Questo modello semplifica la concessione in sublicenza e il trasferimento delle licenze, poiché l'utente finale è il titolare della licenza e sceglie i contenuti che desidera utilizzare.

L'API Shutterstock può migliorare un'ampia gamma di piattaforme, da siti per l'e-commerce a strumenti di creazione degli annunci, da app creative a quelle mobili. Con un accesso semplificato alle raccolte più fresche e ampie di contenuti creativi, le possibilità di integrazione sono pressoché infinite.

Scopri come possiamo aiutare il tuo team

I campi di colore rosso sono obbligatori o non validi

Grazie

Abbiamo ricevuto la tua richiesta. Uno dei nostri esperti ti contatterà presto.